Le varianti dello Spritz

da | Giu 24, 2022 | Cocktail | 0 commenti

Quando si va a bere un cocktail con gli amici, quasi sicuramente in molti scelgono un classico degli aperitivi, ovvero lo Spritz. Ottenuto dalla combo di vino bianco frizzante, bitter ed acqua gasata, ma nel caso consulta la ricetta spritz originale per maggiori dettagli, si tratta di un drink intramontabile, che almeno una volta nella vita va provato e che la maggior parte delle persona apprezza e consuma con frequenza. Il fatto che sia così amato ha spinto gli esperti e chi di dovere (barman, addetti ai cocktail e così via) a sperimentare nuove miscele per ottenere un aperitivo che abbia come base lo Spritz ma che sia arricchito da altri ingredienti.

Prima però di analizzare le varianti più comuni cerchiamo di capire qualcosa di più su questo aperitivo. Già in pieno 1800 era considerato il cocktail della baldoria, e della sfrenatezza, soprattutto in quelle zone che si trovavano sotto il dominio austro-ungarico. La prima zona italiana che si lascia affascinare dal drink è il Veneto, ma non tarda a diffondersi in tutte le altre regioni, alcune delle quali cominciano anche a dargli un tocco più personale rivisitando la tradizionale ricetta. Ad ogni modo è un aperitivo che nasce per caso: gli austriaci cercano di rendere meno alcolico il vino allungandolo con l’acqua di selz, ossia un’acqua particolarmente gassata che si spruzzava nei cocktail (ed ecco spiegato così anche il nome: dal tedesco spritzen che vuol dire spruzzare). Con il passare del tempo insomma, il classico Spritz prende nuova forma, e oggi solo nel nostro paese vantiamo infinite varianti. Abbiamo tuttavia raccolto per te i drink migliori a base di Spritz da provare assolutamente

Il Bitter Spritz

Partiamo letteralmente con il botto e ti proponiamo il Bitter Spritz, in cui appunto si sostituisce al classico Aperol il Campari. È una versione leggermente più amarognola ma dal gusto molto intenso. La ricetta è semplice da replicare anche a casa: basta mettere in un calice, in dosi eque del vino, del bitter e dell’acqua frizzante. Per esaltare il gusto basta aggiungere della scorza d’arancia a fette e dei cubetti di ghiaccio. Ovviamente top servito con della stuzzicheria.

Lo Spritz Select

Anche detto vero Spritz veneziano, il Select rappresenta una variante che spesso batte in termini di gusto pure la ricetta tradizionale. La differenza sta, come dice anche il nome, nel fatto di usare il Select al posto del bitter, et voilà il gioco è fatto. Si ottiene ovviamente un drink molto profumato di agrumi, con un colore rosso molto acceso e un sapore dolcissimo, che viene ampiamente messo in risalto dalle fette di arancia e limone usate in combo. Sì quindi allo Spritz Select.

Lo Spritz bianco con limone

Per chi predilige sapori più delicati ma che restano ugualmente nei ricordi, lo Spritz bianco con limone è l’idea perfetta. A vedere il drink si ha quasi la sensazione di bere una semplice soda: il gusto però è unico e inconfondibile. Vengono infatti mixati soda, vino bianco e succo di limone. La gradazione alcolica resta bassa, così come l’incisione del sapore del vino, per ottenere un aperitivo delicato e adatto a chiunque.

Lo Spritz senza alcol

C’è chi storce il naso perché con questa variante si perde proprio il concept del drink, ma per gli astemi che vogliono poter dire di aver bevuto uno Spritz, quella analcolica è l’alternativa perfetta. Ordinare uno Spritz analcolico vuol dire dedicarsi un aperitivo dissetante e leggero di cui puoi abusare senza temere di ubriacarti. Si prepara miscelando del succo d’arancia (o in alternativa succo di frutta esotica) con del bitter analcolico e della soda. Sicuramente non piace a chiunque proprio per la sua leggerezza, ma chi lo prova e lo gradisce non ne fa più a meno.

Newsletter

Termini e condizioni *

Seguici sui Social

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest